SPEAKERS HSIR 2021

1.png

Robert Keohane

Scienziato politico ed esperto di relazioni internazionali, i suoi studi si concentrano sul ruolo dell'egemonia e dell'istituzionalismo neoliberale nelle relazioni internazionali. Professore emerito all'Università di Princeton, ha insegnato anche alle Università di Stanford, Brandeis, Harvard e Duke. È un ex presidente dell'American Political Science Association e dell'International Studies Association, e ha ricevuto il Premio Balzan. In virtù delle sue ultime pubblicazioni, come 'The Regime Complex for Climate Change', è anche adatto a tenere conferenze sul cambiamento climatico, con una naturale ricaduta nel campo delle relazioni internazionali.

Shoshana Zuboff

La studiosa, scrittrice e attivista Shoshana Zuboff è autrice di tre libri importanti, ognuno dei quali ha segnato l'inizio di una nuova epoca nella società tecnologica. Il suo recente capolavoro, The Age of Surveillance Capitalism, già tradotto in venticinque lingue, è stato salutato come la Primavera silenziosa dell'industria tecnologica e il Das Kapital del XXI secolo. La professoressa Zuboff è Charles Edward Wilson Professor Emerita alla Harvard Business School e membro di facoltà al Carr Center for Human Rights della Harvard Kennedy School.

foto speaker .png
stiglitz.png

Joseph Stiglitz

Laureato al MIT, ha ricevuto il premio Nobel per l'economia per le sue analisi dei mercati con informazione asimmetrica, ed è stato uno degli autori principali del rapporto del 1995 del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, che ha condiviso il premio Nobel per la pace del 2007. Nel 2011, il Time ha nominato Stiglitz una delle 100 persone più influenti del mondo.

Stiglitz ha contribuito a creare un nuovo ramo dell'economia, "L'economia dell'informazione", esplorando le conseguenze delle asimmetrie informative e facendo da pioniere a concetti fondamentali come la selezione avversa e il rischio morale, che ora sono diventati strumenti standard non solo dei teorici. Il suo lavoro ha aiutato a spiegare le circostanze in cui i mercati non funzionano bene, e come l'intervento selettivo del governo possa migliorare la loro performance.

Judith Ann Tickner

Professoressa anglo-americana e teorica delle relazioni internazionali femministe. È stata la prima teorica femminista delle relazioni internazionali a dirigere la Intenational Studies Association. Uno degli articoli di giornale più famosi della Tickner fu il pezzo "You Just Don't Understand", che criticava le principali teoriche delle relazioni internazionali per aver omesso il genere dalla loro teoria e pratica. Mentre gli studiosi mainstream sostenevano che le femministe dovessero sviluppare teorie scientifiche e falsificabili, J. Ann Tickner si opponeva a questa affermazione, favorendo un metodo di analisi sociale "dal basso" che rende visibile il ruolo delle donne nell'IR, opponendosi anche alle narrazioni tradizionalmente maschiliste, tra cui uomini, denaro e guerra. I suoi libri includono Gendering World Politics: Problemi ed Approcci nell’Era successiva alla Guerra Fredda, Il Genere nelle Relazioni Internazionali: Prospettive femministe sul raggiungimento della sicurezza internazionale.

tickner.png
foto speaker .png

Robert Pollin

Robert Pollin è professore universitario di economia e co-direttore del Political Economy Research Institute (PERI) all'Università del Massachusetts-Amherst. È anche il fondatore e presidente di PEAR (Pollin Energy and Retrofits), che, con le sue pubblicazioni e libri più importanti, spiega il suo impegno accademico e personale nell'analizzare il cambiamento climatico e l'approccio delle politiche pubbliche a questa urgente questione attraverso la fondamentale lente economica. Ha lavorato come consulente sia per il settore pubblico che per numerose organizzazioni non governative su vari aspetti della costruzione di economie verdi e sostenibili ad alta occupazione, sia da prospettive locali che internazionali. Ha anche diretto progetti sulla creazione di occupazione e la riduzione della povertà nell'Africa sub-sahariana per il Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite. Per molti altri meriti scientifici è stato riconosciuto dalla rivista Foreign Policy come uno dei "100 Leading Global Thinkers per il 2013".

Grammenos Mastrojeni

Grammenos Mastrojeni è un diplomatico italiano e docente di Ambiente e Geostrategia in varie università del mondo e si dedica da oltre vent'anni al tema del cambiamento climatico. Dal 2019 è vicesegretario generale per l'energia e l'azione per il clima dell'Unione per il Mediterraneo, con sede a Barcellona, e presidente di UN Mountains e Global Island Partnership. Collabora con il Climate Reality Project, un'iniziativa volta a diffondere la consapevolezza dei rischi legati al cambiamento climatico lanciata dal premio Nobel Al Gore.

Mastrojeni.png

Harriet Lamb

Harriet Lamb è l'amministratrice delegata di Ashden, un'organizzazione che sostiene e promuove le imprese di energia sostenibile di tutto il mondo. La sua carriera si basa sulla campagna per il commercio equo, l'equità e lo sviluppo della società civile, come dimostra il suo ruolo ben riconosciuto nella fondazione Fairtrade. Dal 2001 al 2012 è stata direttrice esecutiva della Fairtrade Foundation del Regno Unito, e nel 2012 è diventata amministratrice delegata dell'organizzazione globale di standard, certificazione e sviluppo dei produttori, Fairtrade International. Dal 2015 al 2019 è stata amministratrice delegata dell'organizzazione per la costruzione della pace International Alert.

lamb.png

Carlotta Sami

Carlotta Sami lavora da oltre quindici anni nel campo delle relazioni internazionali, dei diritti umani e degli interventi umanitari. Nel 2012 è stata direttrice generale di Amnesty International in Italia. Da gennaio 2014 è Spokeperson dell'Ufficio Regionale per il Sud Europa dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR). Dal 2003 al 2008 è stata Direttrice di Programma e Portavoce di Save the Children in Italia e fino al 2012 si è occupata dell'organizzazione di emergenze umanitarie a livello globale, coordinando le strategie di comunicazione. Carlotta Sami ha iniziato la sua carriera nel 1998 nei Territori Palestinesi dove ha lavorato con l'Unità Tecnica Locale della Cooperazione Italiana a Gerusalemme e con molte altre organizzazioni italiane e internazionali. Nel 1998, dopo un Master in Giurisprudenza, ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Teoria Generale del Diritto presso l'Università Statale di Milano.

Sami.png

David Murakami Wood

Formatosi a Oxford e Newcastle nel Regno Unito, David Murakami Wood è attualmente Canada Research Chair (Tier II) in Surveillance Studies alla Queen's University in Ontario. È uno specialista ampiamente pubblicato in sociologia e geografia della sorveglianza e della sicurezza nelle città da una prospettiva comparativa globale, con particolare attenzione al Giappone, Brasile, Canada e Regno Unito, ed è anche molto interessato alla fantascienza e al futuro della sorveglianza.

Murakami Wood.png

Giovanni Ziccardi

Professore di Informatica Giuridica presso l'Università Statale di Milano, e di Criminalità Informatica presso il Master in Diritto delle Nuove Tecnologie dell'Università di Bologna. Coordina il Centro di Ricerca in Diritto della Società dell'Informazione (ISLC) ed è nel Comitato per la Sicurezza dell'Università di Milano.

foto speaker .png
foto speaker .png

Maximo Torero Cullen

Fabio Rugge

foto speaker (1).png